By admin

Ecco cosa stanno facendo i trader in questo recente incidente che non si è mai verificato a marzo, BTC ed ETH in vista

Categories : Kryptowährung

Il 13 marzo, noto anche come „giovedì nero“, rimarrà sempre nella mente di molti nello spazio crittografico per un motivo. In questa data storica, Bitcoin ha perso quasi il 50% del suo valore in modo drammatico. La caduta iniziata dai livelli di $ 9.000 ha acquisito slancio il 12 marzo. Il 13 marzo, Bitcoin ha toccato minimi di quasi $ 3.800.

Il resto del mercato delle criptovalute

Il resto del mercato delle criptovalute ha seguito in tandem, poiché Altcoin che si riferiva a criptovalute alternative oltre a Bitcoin ha registrato perdite in dozzine di percento. È degno di nota affermare che Bitcoin e il resto del mercato crittografico si sono ripresi dalla carneficina.

Una narrativa simile si è svolta nella prima settimana di settembre quando le principali criptovalute, Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) hanno visto un enorme calo rispettivamente sotto $ 11.000 e $ 400. Anche la maggior parte del mercato delle criptovalute è crollata a causa di un’ampia svendita di mercato.

Il selloff di Bitcoin è arrivato dopo aver testato $ 12.000 all’inizio della settimana precedente per scendere ulteriormente a $ 10.000, lasciando molti stupiti mentre ha ribaltato il suo sentimento rialzista. Ciò ha spinto molti a tracciare un’analogia tra questa recente correzione e quella di marzo.

Charles Edwards, un gestore di risorse digitali, ha twittato „Molte somiglianze con il 12 marzo in questo momento“.

Bitcoin (BTC) e la maggior parte degli Altcoin sono in rosso al momento della scrittura.

Cosa stanno facendo i trader in questo recente incidente che non si è mai verificato a marzo

Perché l’analogia tra questa recente correzione e quella di marzo può essere essenziale è escludere la possibilità di un enorme crollo del mercato come si è visto a marzo, quando sono stati liquidati milioni di contratti.

La buona notizia è che una recente analisi dei derivati Bitcoin indica che lo stato attuale del mercato è diverso da quello di marzo. Ha osservato che i trader stanno facendo una cosa in modo diverso ora da quella di marzo, che consiste nel ridurre la leva finanziaria ed essere più calcolati nel loro sentimento.

Un analista crittografico che passa in incognito come „Z“, ha osservato che, a differenza di prima, i trader sono stati rapidi nel ridurre le loro posizioni durante un tuffo inferiore per prevenire un crollo brutale come quello visto a marzo.

Anche altri analisti hanno notato la soppressione della propensione al rischio in questo settore

Lo „skew di 25 giorni“ di Bitcoin, che monitora il posizionamento dei trader di opzioni, è stato inferiore allo 0% negli ultimi mesi, il che è diverso dal trend storico:

„A prezzi vicini ai $ 12.000, questo è uno dei cambiamenti più alti che abbiamo visto negli acquisti di put, poiché le persone si stanno preparando per un movimento al ribasso. Storicamente, l’inclinazione di BTC è sempre stata positiva. „

Questa inclinazione negativa indica che, a differenza di prima, i trader stavano probabilmente soppesando le possibilità di un ulteriore calo piuttosto che essere rigidi con un orientamento rialzista inflessibile. I dati hanno anche indicato una graduale riduzione dell’indebitamento delle posizioni per un valore di $ 1-1,5 miliardi quando Bitcoin è crollato ulteriormente.

Un altro analista ha notato che per il secondo asset più grande Ethereum, uno scenario simile si è verificato come visto in un rapido ripristino dell’open interest dell’ETH durante questo recente crash, indicando che ora né i long né i short hanno una sovraindebitamento.